B M, vittoria amara per la Peimar VBC.

PEIMAR VBC CALCI -CELANESE VOLLEY FORLI’ 3-0
Parziali: 25-19, 25-17, 25-23.
PEIMAR VBC CALCI: Ciulli, Guemart, Nicotra, Andreotti, Di Nasso, Bedini, Testagrossa, Razzetto, Nannini, Pellegrino, Fascetti, Verbeni, Grassini (l), Stagnari (l). All. Berti

Tre punti importanti per la Peimar in questa seconda gara del 2019, assieme alla “tegola” del brutto infortunio occorso a Paolo Andreotti proprio sul finire del match. Il forte schiacciatore si è accasciato a terra sofferente per un trauma al ginocchio, dopo aver ottenuto il punto della vittoria, nel terzo set. Un episodio che ha ovviamente fatto passare in secondo piano il match, controllato e gestito egregiamente dai ragazzi di Berti. La Peimar aveva preparato la gara in condizioni precarie, per i molti malanni di stagione che hanno poi fatto una sola “vittima”, ai fini della partita, e cioè il centrale Filippo Nannini, indisponibile perché febbricitante. Tutti presenti gli altri compagni, anche se ovviamente non al meglio. I calcesani sono scesi in campo dunque con Ciulli e Pellegrino, Andreotti e Nicotra di posto quattro, Testagrossa-Razzetto al centro, e Grassini libero. Il sestetto ha attraversato la gara senza sbavature, contro un’avversaria qualitativamente inferiore: tutto bene fino al 24-23 della terza frazione, lo scambio che ha segnato in negativo la serata. L’entità dell’infortunio è ancora da definire, e la preoccupazione al momento è generata più che altro dalla reazione del giocatore, che ha lasciato presagire il peggio. Tra quarantotto ore sarà possibile effettuare una risonanza magnetica e chiarire così cosa sia realmente successo, ed eventuali modalità e tempi di recupero.  Intanto sono d’obbligo gli “in bocca al lupo” di tutti gli sportivi e gli appassionati di volley. Dal punto di vista della classifica, situazione immutata: comanda Mirandola, a quota 27, seguono Portomaggiore e Peimar VBC Calci, appaiate a quota 26; più indietro Fucecchio, capitolata al tie-break nel derby interno con Castelfranco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto