B M, Peimar VBC si regala il secondo posto.

PEIMAR VBC CALCI – VILLADORO MODENA 3-1
Parziali: 25-19, 21-25, 25-19, 25-18.
PEIMAR VBC CALCI: Ciulli, Guemart, Nicotra, Andreotti, Di Nasso, Bedini, Testagrossa, Razzetto, Nannini, Pellegrino, Fascetti, Verbeni, Grassini (l), Stagnari (l). All. Berti

La Peimar si regala la miglior conclusione possibile del 2018 prendendo tre punti nello scontro interno con la temibile Villadoro Modena, squadra che nel reparto centrali annovera il sempre pericoloso Sala, ex atleta di diverse squadre in serie A1. Berti in avvio deve rinunciare a Grassini, e punta su Stagnari: ottima partita per il giovane libero calcesano, sempre all’altezza per tutti e quattro i set. Formazione classica, con Ciulli e Pellegrino in diagonale, Razzetto e Testagrossa centrali, Nicotra e Andreotti a schiacciare e ricevere. Primo set senza grossi patemi, buona partenza che coglie impreparata la formazione ospite. Modena si sveglia nella seconda frazione, iniziando a far male particolarmente dal centro, con Sala ma anche con l’altro posto 3 Ferrari; la difesa arcigna degli avversari innervosisce la Peimar, che si perde un po’ e si trova costretta a subire il pareggio. Nel terzo set fa la sua comparsa in campo Nannini. Il sestetto di casa ritrova verve e misure, prende un break importante e lo gestisce fino in fondo nonostante un tentativo di rientro da parte Villadoro. Stesso clichè nel quarto parziale: Calci sempre avanti, break importanti e tre punti d’oro al fischio finale.

Questa vittoria ci fa ripartire nel migliore dei modi dopo lo stop con Fucecchio”- osserva mister Berti a fine gara – “siamo al secondo posto, da soli, a due punti dal Mirandola capolista con cui andremo a giocare la partita più importante proprio al rientro, il giorno 5 Gennaio. Abbiamo un periodo molto importante dove andremo a riposare, lavorare fisicamente, e fare un po’ di tecnica, per ripresentarci al via nella maniera migliore. I miei complimenti alla squadra sia per la reazione alle negatività che per i risultati conseguiti, dobbiamo ancora crescere e sono sicuro che lo faremo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *